La storia

di Saint-Germain-des-Près

Un quartiere della capitale che sta gradualmente forgiando il suo carattere attraverso la sua vibrante particolarità: da sempre una roccaforte della cultura in cui turbinano artisti, intellettuali e amanti dello shopping.

Fondazioni

L'Abbazia di San Vincenzo è fondato dal figlio di Clodoveo, Childeberto ILa città di Parigi fu costruita su consiglio di Germain, vescovo di Parigi, per ospitare i tesori ottenuti dalla resa dei barbari.

VII secolo Alla morte del vescovo, l'abbazia viene rinominata Chiesa di Saint-Germain-des-Prés. Intorno alla chiesa si forma gradualmente un piccolo insediamento. Il quartiere è in fase di costruzione.

543

Sviluppo

Lo splendore e l'intensa influenza intellettuale della Chiesa aumentarono a partire dall'anno 1000. L'abbazia crebbe costantemente.

XII secolo: il Villaggio di Saint-Germain è in crescita e conta circa 600 abitanti. Ci sono fiere di tutti i tipi dove si possono fare giochi d'azzardo e di denaro. È inoltre possibile visitare il primo zoo di Parigi.

Epicentro vivace

Il Fiera di Saint-Germain è una fiera parigina che un tempo si teneva ogni anno dal 3 febbraio 1486 fino alla Rivoluzione francese, e che si tenne per la prima volta nel XII secolo. Situato nella Faubourg Saint-GermainAll'epoca della sua costruzione, si trovava fuori dalle mura di Parigi, ma è stato gradualmente integrato nel tessuto urbano della capitale.

Oltre ad un importante ruolo commerciale, dovuto alla presenza di oltre 120 aree di vendita, note come "logesche permetteva la vendita di molte merci a Parigi, la Foire Saint-Germain ospita spettacoli da fiera Questi sono stati rappresentati per la prima volta nel XVII secolo e sono decollati nel XVIII secolo prima di trasferirsi nei teatri dei boulevard.

Gli edifici della Fiera del XV secolo, distrutti da un incendio nel 1762, furono parzialmente ricostruiti negli anni 1762-1763. La fiera fu infine distrutta nel 1811 per far posto alla Mercato di Saint-Germain.

12°

Riconoscimento

Augusto Stati Saint-Germain-des-Prés un quartiere a sé stante - uno dei primi a Parigi. La chiesa è tuttora una delle più ricche di Francia.

Dall'età classica alla RivoluzioneIl quartiere acquisisce la sua anima grazie al suo potere di attrazione per gli intellettuali. Si presenta come un luogo di singolare convivenza tra clero e artistiSi trattava di una deroga a tutte le convenzioni dell'epoca.

17°

Casa del mondo letterario

Tutti gli artisti che passano per Saint-Germain lasciano l'impronta del loro talento, segnando i caffè e le strade con un'impronta letteraria.

Dal 1751Gli Enciclopedisti, guidati da Diderot e D'Alembert, si riunivano al Café Landelle o al Procope, così come i futuri rivoluzionari Marat, Danton e Guillotin.

Rivoluzione

La Rivoluzione suonò la campana a morto per la potente abbazia benedettina, che fu distrutta da un'esplosione e poi da un incendio.

Ma la sua distruzione non significò la fine del distretto. I borghesi e gli editori che ne presero possesso avevano un attaccamento particolare al luogo. La vita intellettuale e artistica continuò a fiorire.

1789

Un luogo di cultura

Nel XIX secolo, Saint-Germain-des-Prés divenne il luogo di incontro di scrittori (Racine, Balzac, George Sand), pittori (Delacroix, Ingres e Manet) e attori (Mounet-Sully).

XIX

Il quartiere divenne un vero e proprio luogo d'incontro dove artisti e intellettuali amavano riunirsi per discutere animatamente di attualità e cultura.

20

Musa degli artisti

All'inizio del XX secolo, i caffè di Saint-Germain-des-Prés accolsero gli intellettuali del surrealismo (Apollinaire, Aragon, André Breton).

Anche molti pittori e fotografi sono stati attratti dalla zona. Nel 1937 Picasso termina Guernica nel suo studio di rue des Grands Augustins, dove l'amico Man Ray gli fa regolarmente visita.

1939

Rifugio dalla guerra

Durante la Seconda guerra mondiale, nonostante le restrizioni e il coprifuoco, il quartiere non fu praticamente toccato dall'occupazione tedesca. Gli intellettuali vi si rifugiarono e formarono una piccola comunità.

I caffè del quartiere erano gli ultimi luoghi di incontro e di conversazione nella capitale occupata. Ogni giorno, Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir vi arrivavano all'alba per sistemarsi nei posti migliori vicino alla stufa.

Caffè e teatri

Dopo la liberazione, gli intellettuali partirono per Montmartre. Saint-Germain-des-Prés diventa il quartiere della musica, delle feste e del teatro d'avanguardia, che decolla con Samuel Becket e Jean Cocteau.

Ma rimane sinonimo di vita letteraria. Molti caffè hanno creato i loro circoli letterari e i loro premi, diventando istituzioni famose.

1945

Appuntamento musicale

La scena musicale si è emancipata a Saint-Germain. Ferré, Brassens, Trenet, Brel, Béart, Gréco, Gainsbourg e Aznavour divennero clienti abituali, senza dimenticare Boris Vian.

1950

 

Il jazz e il Be Bop hanno avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo della vita notturna del quartiere. Sydney Bechet, Miles Davis e Duke Elington hanno fatto vibrare i giovani della zona nelle Caves de Saint-Germain.

1970

Turismo internazionale

La fama di Saint-Germain-des-Prés attira i turisti che trasformano gradualmente il quartiere. I piccoli negozi sono stati sostituiti da boutique di lusso. I prezzi degli immobili sono saliti alle stelle.

Molte librerie stanno chiudendo, le sedi delle principali case editrici si stanno trasferendo e le università parigine stanno aprendo altri campus. I segni del cambiamento sono evidenti.

1985

Anima boema

Oggi ci sono ancora molte piccole librerie e tipici caffè parigini. Il quartiere è ancora vivace e giovane come sempre, soprattutto quando cala la notte.

La storia di Saint-Germain-des-Prés illustra il legame speciale tra questo quartiere e la vita culturale e artistica del nostro Paese. E cerchiamo di preservare lo spirito di questo luogo magico.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito

Ricordi celebrati oggi

Per celebrare il suo millesimo anniversario, la chiesa parigina più famosa dopo Notre-Dame si riempirà di tableaux animati, alla maniera del teatro medievale, dal 5 al 7 dicembre 2014.

Il campanile di Saint-Germain-des-Près ha festeggiato il suo millesimo anniversario!

Saint-Germain-Des-Prés di Robert Doisneau

Robert Doisneau ha immortalato l'effervescenza di Saint Germain des Près.

Il campanile di Saint-Germain-des-Près ha festeggiato il suo millesimo anniversario!

Documentario diretto da Philippe Cochinard e narrato da Pierre Arditi.

Per saperne di più

Immagini di culto del XX secolo

L'avanguardia culturale è di casa a Saint-Germain-des-Près: Courrèges - Mai 68 - Claude Lelouche - Sarte & Beauvoir - La bande du Drugstore - Yves Saint Laurent & Catherine Deneuve - chez Castel - Verlaine al Procope - Défilé Chloé al Café Lipp - Les Deux Magots - Albert Camus al Mabillon - Hemingway - Duke Hellington - Les Charlots - Brigitte Bardot al Café de Flore - Sonia Ryckiel - Gainsbourg, Johnny Hallyday, Django Reinhardt, Boris Vian...

#thegov_button_661ed3d914dc3 { color: rgba(0,0,0,1); }#thegov_button_661ed3d914dc3:hover { color: rgba(49,49,49, 1); }#thegov_button_661ed3d914dc3 { border-color: rgba(255,255,255,1); background-color: rgba(255,255,255,1); }#thegov_button_661ed3d914dc3:hover { border-color: rgba(255,255,255,1); background-color: rgba(255,255,255,1); }