25 Aprile 2022

Visita guidata del quartiere di Saint-Germain-des-Prés

Salve e benvenuti a un'altra visita guidata di un quartiere parigino a cura di New York Habitat.

Oggi visiteremo un quartiere vivace di Parigi e un luogo alla moda: Saint-Germain-des-Prés. Questo episodio è il primo di una trilogia dedicata a Saint-Germain-des-Prés, di cui seguono le altre due parti:

Riproduzione video
Riproduzione video

Situata a sud della Senna e a ovest del Quartiere Latino, Saint-Germain-des-Prés ospitava un grande monastero e una piccola città mercato.

Il monastero fu fondato nel 532 da Childeberto, secondo re di Francia. Pur essendo diventato prospero e potente, il monastero non sopravvisse alle incursioni vichinghe del IX secolo.

I monaci si accamparono tra le rovine fino al 990, quando il monastero fu ricostruito dal re Roberto il Pio. La città tra il monastero e la città era molto vivace. Comparvero persino dei teatri.

Nel XVII secolo, la città era diventata un centro artistico e letterario e ospitava già la prima opera di Lully, le prime opere teatrali di Molière e la prima Comédie Française.

La costruzione della chiesa romanica di Saint-Germain-des-Prés iniziò intorno all'anno 1000 ed è una delle più antiche di Parigi. Gli archi a tutto sesto, le piccole finestre e gli spessi muri del campanile sono tipici dello stile romanico.

Il quartiere di Saint-Germain-des-Prés divenne rapidamente un luogo di incontro per artisti, intellettuali e scrittori.

Fin dal XVII secolo, il villaggio ha ospitato scrittori come Racine e La Rochefoucauld. Nel XIX secolo si stabilirono qui anche pittori come Delacroix e Manet e scrittori come Balzac, oltre a Benjamin Franklin e Oscar Wilde.

Negli anni Venti, molti americani furono attratti dal fascino di questo quartiere. Anche Hemingway e sua moglie vissero qui e Henry Miller era un assiduo frequentatore.

In seguito Picasso si trasferì qui e qui dipinse Guernica.

La vita qui si concentra nel centro della piazza, di fronte alla chiesa, e nei 3 famosi caffè che si trovano nelle vicinanze. La piazza è un luogo d'incontro popolare, spesso caratterizzato da musicisti e sculture in mostra. Les Deux Magots, 6 place de L'Église Saint-Germain-des-Prés, prende il nome dalle due statue cinesi esposte all'interno da quando il caffè era un negozio di seta. All'epoca della sua apertura, il caffè era uno dei preferiti di poeti come Verlaine e Rimbaud.

Negli anni Trenta, anche Picasso amava frequentarlo. Verso la fine degli anni Trenta, il caffè era frequentato dal filosofo esistenzialista Jean Paul Sartre e dagli scrittori Camus e Prévert.

Quando il caffè divenne uno dei preferiti dagli occupanti tedeschi a Parigi, Sartre e i suoi colleghi lo abbandonarono per il Café de Flore, a un isolato di distanza, al 172 di Boulevard Saint-Germain. Il proprietario mise a loro disposizione il primo piano per sedersi, sorseggiare caffè e scrivere. È qui che Sartre scrisse il suo famoso trattato: L'être et le néant. L'altro luogo famoso dove fermarsi per un drink è la Brasserie Lipp, dall'altra parte della strada, al 151 di Boulevard St-Germain. Negli anni Venti era frequentata dai poeti André Gide e Paul Valéry e qui Hemingway scrisse Addio alle armi.

L'Institut de France al 23 quai Conti, con la sua caratteristica cupola, fu costruito nel XVII secolo per il primo ministro di Luigi XIV, Mazzarino. Oggi ospita le 5 accademie francesi delle arti e delle scienze.

Naturalmente, il modo migliore per vivere come un parigino è affittare un appartamento ammobiliato nel cuore di questo famoso quartiere, come questo superbo. affitto vacanze nel cuore di Saint-Germain-des-Prés. Non dimenticate che New York Habitat offre anche altri affitti ammobiliati a Saint-Germain-des-Prés e in tutta Parigise si tratta di case vacanza o appartamenti arredati.

Speriamo che vi sia piaciuto il quartiere di Saint-Germain-des-Prés, dove cultura e storia si incontrano.

Grazie per aver partecipato a questa visita guidata di New York Habitat.

Ci auguriamo di vedervi presto per le strade di Saint-Germain-des-Prés.

Lascia un commento

#thegov_button_6649b8e8c5bc8 { color: rgba(0,0,0,1); }#thegov_button_6649b8e8c5bc8:hover { color: rgba(49,49,49, 1); }#thegov_button_6649b8e8c5bc8 { border-color: rgba(255,255,255,1); background-color: rgba(255,255,255,1); }#thegov_button_6649b8e8c5bc8:hover { border-color: rgba(255,255,255,1); background-color: rgba(255,255,255,1); }